Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer?

Thriller
Italia 1972
Regia Anthony Ascot
Durata 97 min
Soggetto Ernesto Gastaldi
Sceneggiatura Ernesto Gastaldi
Produttore Luciano Martino
Produttore esecutivo Vittorio Galliano, Marcello Romeo
Casa di produzione Galassia Film, Lea Film
Fotografia Stelvio Massi
Montaggio Eugenio Alabisio
Musiche Bruno Nicolai
Scenografia Carlo Leva
Costumi Silvio Laurenzi
Interpreti e personaggi
Edwige Fenech: Jennifer Osterman
George Hilton: Andrea
Giampiero Albertini: il commissario
Oreste Lionello: fotografo
Paola Quattrini: Marylin
Annabella Incontrera: Sheena
Maria Tedeschi: la vicina di casa
Carla Brait: Mizar Harrington
George Rigaud: padre di Sheena
Ben Carrà: Adame
Franco Agostini: agente Redi
Evi Farinelli: ragazza uccisa in ascensore
Luciano Pigozzi: sig. Martelli
[banner]
Jennifer e Marylin sono due fotomodelle che dividono un appartamento in un grande palazzo del centro di Genova. Jennifer ha un passato burrascoso: con l’ex marito si dedicava a pratiche sessuali di gruppo ed era dedita all’uso di droghe. Dopo aver rotto definitivamente col consorte, la ragazza sta cercando di ricostruirsi una vita nuova. Nonostante le sue buone intenzioni, la donna è spesso perseguitata dall’ex marito che non vuole saperne della loro rottura. Nel palazzo conosce Andrea Antinori, giovane e bell’uomo con cui instaura una relazione. Ben presto però nello stabile inizia a susseguirsi una serie di terrificanti omicidi: dapprima una giovane prostituta uccisa in uno degli ascensori, poi una spogliarellista di colore residente all’ultimo piano. I sospetti cadono sui condomini che conoscevano le vittime anche solo di vista ma la ricerca del colpevole risulta ardua considerata la vastità dello stabile e la presenza di numerosi uffici includendo un’assidua frequentazione esterna per lavoro o per affari.

Precedente Anna, quel particolare piacere Successivo Lorella De Luca