Antonello Venditti – Sora Rosa

antonellovenditti-06052016 A Sora Rosa me ne vado via, ciò er core a pezzi pe'lla vergogna, de questa terra che nu mm'aiuta mai de questa gente che te sputa n'faccia, che nun'ha mai preso na farce in mano, che se distingue pe na cravatta. Me ne vojo annà da sto paese marcio, Che cià li bbuchi ar posto der cervello, che vò magnà dull'ossa de chi soffre, che pensa solo ar posto che po' perde. Ciavemo forza e voja più de tutti Annamo là dove ce stanno i morti, anche se semo du ossa de prosciutti ce vedrà chi cià li occhioni sani che ce dirà: "venite giù all'inferno armeno ciavrete er foco pell'inverno". Si ciai un core, tu me poi capì Si ciai n'amore, tu me poi seguì Che ce ne frega si nun contamo gnente Se semo sotto li calli della ggente. Sai che ti dico, io mo' me butto ar fiume, così finisco de campà sta vita che a poco a poco m'ha 'succato l'occhi più delle pene de stana immortale. Annamo via, tenemose pe'mano, c'è solo questo de vero pe'chi spera, che forse un giorno chi magna troppo adesso possa sputà le ossa che so' sante.