Godzilla

  • Film Azione
  • Usa 2014
  • Regia Gareth Edwards
  • Durata 123 min

 

  • Interpreti e personaggi
  • Aaron Taylor-Johnson: tenente Ford Brody
  • Bryan Cranston: Joseph “Joe” Brody
  • Ken Watanabe: dott. Ishiro Serizawa
  • Elizabeth Olsen: Elle Brody
  • Sally Hawkins: Vivienne Graham
  • Juliette Binoche: Sandra Brody
  • David Strathairn: ammiraglio Stenz
  • Carson Bolde: Sam Brody
  • Richard T. Jones: Russel Hampton
  • Al Sapienza: Huddleston
  • Akira Takarada: agente dell’immigrazione giapponese
  • Victor Rasuk: sergente Tre Morales
  • CJ Adams: Ford Brody da bambino

 

  • Nel 1954 nell’Oceano Pacifico, all’epoca teatro di numerosi test nucleari da parte degli Stati Uniti d’America, viene avvistata e confermata quella che da millenni si riteneva una leggenda: una gigantesca creatura anfibia risalente alla Preistoria, di dimensioni mastodontiche, chiamata Gojira o Godzilla; ben presto tutti gli sforzi del mondo per distruggere la creatura (camuffati da test atomici) falliscono, e le varie nazioni, consce dell’impossibilità di distruggere il mostro, danno vita alla M.O.N.A.R.C.H., un’associazione con il compito di monitorare Godzilla e tenere il mondo all’oscuro della sua esistenza, mentre quest’ultimo vaga nelle profondità del Pacifico.

 

  • Nel 1999 un crollo minerario nelle Filippine rivela l’esistenza di un antico fossile unito a due crisalidi ancora vive di due mostri preistorici. Sul posto arrivano due esperti della M.O.N.A.R.C.H., il dottor Ishiro Serizawa e la sua assistente occidentale, la Dottoressa Vivienne Graham. Gli scienziati scoprono che una delle due crisalidi si è aperta e la creatura al suo interno è fuggita; l’essere in questione è un M.U.T.O. (acronimo in lingua inglese per Massive Unidentified Terrestrial Organism: “organismo terrestre gigantesco non identificato”) che come tutte le creature della sua epoca, compreso Godzilla, si nutriva delle radiazioni presenti sulla superficie ai tempi della preistoria. Quando le radiazioni diminuirono, i M.U.T.O. si rifugiarono nelle profondità della Terra per nutrirsi delle radiazioni emesse dal nucleo del pianeta, Godzilla invece andò nelle profondità dell’oceano. Il M.U.T.O., nuotando nell’oceano in forma larvale, giunge alla centrale nucleare giapponese della città di Janjira, vicino Tokyo. Qui lavora e vive il supervisore statunitense Joe Brody, con la moglie e collega Sandra e il figlioletto Ford. Joe assiste impotente alla morte della compagna a seguito del devastante attacco della creatura, attacco che né lui, né il resto del mondo hanno compreso, scambiandolo per un terremoto. La centrale crolla, la zona viene contaminata e tutti i residenti evacuati.

 

  • Quindici anni dopo Ford Brody, il figlio di Joe Brody, è divenuto un ufficiale e veterano dei Navy Seal ed un esperto artificiere. Lasciatosi il passato alle spalle il giovane si è sposato con Elle, una giovane infermiera con la quale è divenuto genitore di un bambino, Sam. Il giorno del suo rientro dalla guerra, Ford è costretto a partire subito per il Giappone per recuperare il padre Joe arrestato dalla polizia giapponese. Infatti il padre, ossessionato dall’incidente, è divenuto un fervente complottista convinto che la compagnia per la quale lavorava abbia insabbiato l’incidente in quanto la causa non era stata una calamità bensì una qualche minaccia tenuta segreta. Questa convinzione lo ha spinto ad infrangere la legge: tornare nella zona di quarantena per recuperare i suoi vecchi dischetti nella loro vecchia casa, convinto che al loro interno ci siano le prove che cerca. Ricongiuntisi, Joe convince Ford a riportarlo nella vecchia abitazione in rovina. Il figlio acconsente e una volta arrivati scoprono che contrariamente a quello che ci si aspettava da una zona contaminata l’aria non presenta radiazioni letali. Recuperati i dischi i due vengono arrestati dalla polizia e condotti alle rovine della centrale controllate dalla M.O.N.A.R.C.H., nella quale è presente un enorme crisalide contenente il M.U.T.O. responsabile della tragedia. Proprio in quel momento la creatura si libera dalla crisalide rivelandosi un enorme bestia alata, che distrugge la base e vola via. Essa è dotata della capacità di emettere onde elettromagnetiche EMP in grado di spegnere e danneggiare gravemente o irrimediabilmente ogni dispositivo elettronico e digitale nel suo raggio d’azione. Nella devastazione Joe rimane ferito mortalmente e prima di morire si raccomanda a Ford di tornare dalla sua famiglia e proteggerla dai mostri.

 

  • L’esercito americano subentra nella gestione della crisi e Ford viene rimpatriato alle Hawaii affinché possa prendere un volo commerciale per casa sua a San Francisco. Intanto Godzilla ha cominciato a muoversi in direzione dei richiami del M.U.T.O. (che si rivela essere un maschio). Il dottor Serizawa, osservando i dati nei dischetti di Joe, scopre che le strane vibrazioni emesse dalla creatura il giorno della tragedia non erano un richiamo per Godzilla (cioè quello che avevano ipotizzato gli scienziati) ma un richiamo amoroso per l’accoppiamento. Gli scienziati arrivano a conclusione che Godzilla ha cominciato a muoversi perché era rimasto in ascolto. Il problema sorge quando il mostro volante si dirige anch’esso alle Hawaii attirato da un sottomarino nucleare russo. A questo punto i due mostri si palesano e devastano la zona di Honolulu facendo venire a galla la loro esistenza agli occhi di tutto il mondo. Anche in questa situazione Ford sopravvive per miracolo e decide di unirsi di nuovo all’esercito per poter tornare prima a casa. Contemporaneamente anche l’altra crisalide contenente una femmina di M.U.T.O. e creduta morta si risveglia e devasta Las Vegas (questo perché conservata nel deposito di scorie nucleari della Yucca Mountain, nel Nevada). Questa creatura è molto più grande del maschio e sprovvista di ali e con una sacca ventrale ricolma di uova pronte per essere fecondate e a dare il via ad una apocalisse sul pianeta.

 

  • I due mostri si dirigono su San Francisco per riprodursi e nidificare, mettendo in pericolo milioni di vite comprese la famiglia di Ford. Il presidente autorizza l’uso di armi nucleari e i militari sotto il comando dell’ammiraglio William Stenz a bordo della USS Saratoga decidono di attirare i tre kaijū con un missile nucleare attivato da un innesco analogico, e ucciderli con esso, grazie alla potentissima onda d’urto che il missile avrebbe generato. Il dottor Serizawa non è convinto del piano, anche perché suo padre era stato vittima delle armi nucleari americane e spiega ai militari che l’unico modo efficace per fermare i M.U.T.O. è farli combattere contro Godzilla, definendolo un potere inviato dalla natura quando essa sente un forte squilibrio imminente e manda lui per ristabilirlo. Il piano dei militari fallisce quando la femmina distrugge il convoglio e divora la bomba per assorbire le sue radiazioni mentre il maschio recupera quella usata come esca contro di loro portandola dalla sua compagna per usarla come nutrimento dei suoi piccoli. Poco dopo arriva sulla scena il leggendario Godzilla, pronto a combattere i due invasori per difendere la Terra (che equivale al suo territorio). Lo scontro ha inizio ed inizialmente è Godzilla a trionfare, sottomettendo la femmina: il sopraggiungere del maschio in difesa della compagna ribalta però l’esito della battaglia.

 

  • Approfittando dello scontro tra Godzilla e i due M.U.T.O., Ford e un contingente scelto si paracadutano in città per recuperare la bomba e disinnescarla, ma il dispositivo di innesco si è bloccato e non si può evitare l’esplosione. Decide allora di portarla in spalla fino al porto e allontanarla dalla città con una nave civile per farla esplodere al sicuro in mezzo all’acqua. Mentre dei soldati trasportano la bomba verso la costa, Ford resta indietro e fa esplodere il nido con le uova fecondate grazie ad una autobotte piena di benzina sotto le macerie del nido, attirando l’attenzione della femmina che si dirige quindi sul punto dell’esplosione, scoprendo di conseguenza la strage della nidiata. Questo evento salva Godzilla, il quale era in netto svantaggio, permettendogli di combattere alla pari il maschio. Poco dopo però la femmina trova Ford al fianco del nido e, resasi conto di trovarsi davanti il responsabile della morte dei piccoli, si prepara ad annientarlo, ma Godzilla salva il soldato sparando dalle sue fauci un raggio atomico che respinge la femmina, che si mette poi all’inseguimento della bomba; intanto lo scontro tra il maschio e Godzilla prosegue, alla fine del quale Godzilla mette fuori gioco il maschio, impalandolo astutamente con la coda contro le travi di un grattacielo. L’edificio però gli crolla addosso, seppellendolo sotto le macerie. Nel frattempo la femmina raggiunge la nave e uccide i soldati prima che essi riescano a partire. A questo punto Ford sfrutta un momento di distrazione della creatura impegnata ad attaccare un’altra squadra di militari e sale a bordo della nave, ma appena parte giunge la femmina che, furibonda, si appresta ad ucciderlo per vendicare la sua prole. Ford però si salva perché giunge Godzilla che abbatte la femmina con il raggio atomico, prendendole la testa, sparandoglielo direttamente in bocca e decapitandola, per poi accasciarsi a terra tra le rovine, esausto per lo scontro e apparentemente morto.

 

  • Ford viene tratto in salvo da un elicottero militare poco prima dell’esplosione ed il giorno dopo riabbraccia la famiglia in un rifugio per i superstiti nello stadio cittadino. Mentre i soccorsi cercano i superstiti tra le macerie, Godzilla si rialza e barcollando raggiunge il porto dove sotto lo sguardo attonito del mondo intero emette un possente ruggito di vittoria, venendo ribattezzato dai media col titolo di “Re dei Mostri” per aver abbattuto i M.U.T.O. e salvato la Terra. Nel finale si butta in mare e scompare tra i flutti, ritornando a riposare nelle profondità dell’Oceano Pacifico.

 



Precedente La maschera di cera (2005) Successivo Incarnate – Non potrai nasconderti