Crea sito

Aldo Fabrizi

Aldo Fabrizi (Roma, 1º novembre 1905 – Roma, 2 aprile 1990) è stato un attore, regista, sceneggiatore, produttore e poeta italiano.

[banner align=”alignnone”]
Avanti c’è posto…, regia di Mario Bonnard (anche soggetto e sceneggiatura) (1942)
Campo de’ fiori, regia di Mario Bonnard (anche sceneggiatura) (1943)
L’ultima carrozzella, regia di Mario Mattoli (anche soggetto e sceneggiatura) (1943)
Circo equestre Za-bum (episodi Dalla finestra e Il postino), regia di Mario Mattoli (1944)
Roma città aperta, regia di Roberto Rossellini (1945)
Mio figlio professore, regia di Renato Castellani (anche sceneggiatura) (1946)
Il vento m’ha cantato una canzone, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
Vivere in pace, regia di Luigi Zampa (anche sceneggiatura) (1947)
Il delitto di Giovanni Episcopo, regia di Alberto Lattuada (anche sceneggiatura) (1947)
Tombolo, paradiso nero, regia di Giorgio Ferroni (1947)
Natale al campo 119, regia di Pietro Francisci (anche sceneggiatura) (1948)
Emigrantes, regia di Aldo Fabrizi (anche soggetto e sceneggiatura) (1948)
Antonio di Padova, regia di Pietro Francisci (1949)
Vita da cani, regia di Steno e Monicelli (anche sceneggiatura) (1950)
Prima comunione, regia di Alessandro Blasetti (1950)
Benvenuto reverendo!, regia di Aldo fabrizi (anche produzione e sceneggiatura) (1950)
Francesco, giullare di Dio, regia di Roberto Rossellini (1950)
La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (anche produzione e sceneggiatura) (1951)
Signori, in carrozza!, regia di Luigi Zampa (anche sceneggiatura) (1951)
Fiorenzo il terzo uomo, regia di Stefano Canzio (1951)
Tre passi a Nord (Three steps North), regia di William Lee Wilder (1951)
Cameriera bella presenza offresi…, regia di Giorgio Pàstina (1951)
Parigi è sempre Parigi, regia di Luciano Emmer (1951)
Guardie e ladri, regia di Steno e Monicelli (anche sceneggiatura) (1951)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (anche produzione, soggetto e sceneggiatura) (1952)
5 poveri in automobile, regia di Mario Mattoli (anche sceneggiatura) (1952)
Altri tempi – Zibaldone n. 1 (episodio Il carrettino dei libri vecchi), regia di Alessandro Blasetti (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (anche produzione e sceneggiatura) (1952)
William Tell (The Story of William Tell), regia di Jack Cardiff (1953)
Siamo tutti inquilini, regia di Mario Mattoli (1953)
Una di quelle, regia di Aldo Fabrizi (anche produzione e sceneggiatura) (1953)
La voce del silenzio, regia di Georg Wilhelm Pabst (1953)
L’età dell’amore, regia di Lionello De Felice (1953)
Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattoli (non accreditato) (1953)
Cento anni d’amore (episodio Garibaldina), regia di Lionello De Felice (1954)
Hanno rubato un tram, regia di Aldo Fabrizi (anche sceneggiatura) (1954)
Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi (episodio Marsina stretta, anche sceneggiatura) (1954)
Cose da pazzi, regia di Georg Wilhelm Pabst (1954)
Io piaccio, regia di Giorgio Bianchi (1955)
I due compari, regia di Carlo Borghesio (anche soggetto e sceneggiatura) (1955)
Carosello di varietà, regia di Aldo Quinti e Aldo Bonaldi (1955)
Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi (1955)
I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (anche sceneggiatura) (1955)
Un po’ di cielo, regia di Giorgio Moser (1955)
Mi permette, babbo!, regia di Mario Bonnard (1956)
Donatella, regia di Mario Monicelli (1956)
Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini (1956)
Il maestro (El maestro), regia di Aldo Fabrizi (anche soggetto e sceneggiatura) (1957)
Festa di maggio (Premier mai), regia di Luis Saslavsky (1958)
I prepotenti, regia di Mario Amendola (anche soggetto) (1958)
Prepotenti più di prima, regia di Mario Mattoli (anche soggetto e sceneggiatura) (1959)
I tartassati, regia di Steno (anche soggetto e sceneggiatura) (1959)
Ferdinando I° re di Napoli, regia di Gianni Franciolini (1959)
Un militare e mezzo, regia di Steno (anche soggetto e sceneggiatura) (1960)
La sposa bella (The angel wore red), regia di Nunnally Johnson (1960)
Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi, regia di Mario Mattoli (1960)
Gerarchi si muore, regia di Giorgio Simonelli (1961)
Fra’ Manisco cerca guai, regia di Armando William Tamburella (1961)
Le meraviglie di Aladino, regia di Mario Bava (1961)
Twist, lolite e vitelloni, regia di Marino Girolami (1962)
I 4 monaci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1962)
Gli italiani e le donne (episodio Chi la fa, l’aspetti), regia di Marino Girolami (1962)
I 4 tassisti (episodio L’uomo in bleu), regia di Giorgio Bianchi (1963)
I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1963)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
Das Feuerschiff, regia di Ladislao Vajda (1963)
Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
7 monaci d’oro, regia di Marino Girolami (1966)
Tre morsi nella mela (Three bites of the apple), regia di Alvin Ganzer (1967)
Cose di Cosa Nostra, regia di Steno (anche sceneggiatura) (1971)
La Tosca, regia di Luigi Magni (1973)
C’eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola (1974)
I baroni, regia di Gian Paolo Lomi (1975)
Il ginecologo della mutua, regia di Joe D’Amato (1977)
Nerone, regia di Castellacci e Pingitore (1977)
Giovanni Senzapensieri, regia di Marco Colli (1986)
Emigrantes (anche soggetto e sceneggiatura) (1948)
Benvenuto, reverendo! (anche produzione e sceneggiatura) (1950)
La famiglia Passaguai (anche produzione e sceneggiatura) (1951)
La famiglia Passaguai fa fortuna (anche produzione, soggetto e sceneggiatura) (1952)
Papà diventa mamma (anche produzione e sceneggiatura) (1952)
Una di quelle (anche produzione e sceneggiatura) (1953)
Questa è la vita (episodio Marsina stretta, anche sceneggiatura) (1954)
Hanno rubato un tram (anche sceneggiatura) (1954)
Il maestro (El maestro) (anche soggetto e sceneggiatura) (1957)

Pubblicato da celiavincenzo

Vincenzo Celia

Una risposta a “Aldo Fabrizi”

  1. Hello Web Admin, I noticed that your On-Page SEO is is missing a few factors, for one you do not use all three H tags in your post, also I notice that you are not using bold or italics properly in your SEO optimization. On-Page SEO means more now than ever since the new Google update: Panda. No longer are backlinks and simply pinging or sending out a RSS feed the key to getting Google PageRank or Alexa Rankings, You now NEED On-Page SEO. So what is good On-Page SEO?First your keyword must appear in the title.Then it must appear in the URL.You have to optimize your keyword and make sure that it has a nice keyword density of 3-5% in your article with relevant LSI (Latent Semantic Indexing). Then you should spread all H1,H2,H3 tags in your article.Your Keyword should appear in your first paragraph and in the last sentence of the page. You should have relevant usage of Bold and italics of your keyword.There should be one internal link to a page on your blog and you should have one image with an alt tag that has your keyword….wait there’s even more Now what if i told you there was a simple WordPress plugin that does all the On-Page SEO, and automatically for you? That’s right AUTOMATICALLY, just watch this 4minute video for more information at. Seo Plugin

I commenti sono chiusi.